Infra Suisse favorevole a Cargo sous terrain

Attualità > Comunicati > Infra Suisse favorevole a Cargo sous terrain

Infra Suisse è favorevole alla legge federale sul trasporto di merci sotterraneo, la base legale per il progetto Cargo sous terrain. L’associazione di categoria dei costruttori svizzeri di infrastrutture è convinta della validità di questo innovativo progetto che sgraverà strade e ferrovie, ridurrà il carico ambientale e garantirà la puntualità delle forniture.

Il traffico sulle strade e le linee ferroviarie svizzere è molto intenso in particolare sui tratti che collegano i centri e nei centri stessi. Nei prossimi anni è previsto un ulteriore aumento del traffico viaggiatori e merci. Davanti a queste sfide, Infra Suisse non può che sostenere il progetto Cargo sous terrain e accogliere favorevolmente la proposta del Consiglio federale di emanare una legge sul trasporto di merci sotterraneo. «È una buona base per lo sviluppo e la realizzazione di sistemi di trasporto sotterranei innovativi. Di fronte all’evoluzione prevista dei volumi di trasporto su gomma e rotaia, è importante e necessario trovare soluzioni alternative», osserva Christian Wasserfallen, presidente di Infra Suisse e consigliere nazionale.

Chiarezza e affidabilità
Il potenziale di innovazione dal punto di vista tecnico non è l’unico vantaggio di Cargo sous terrain: la realizzazione degli impianti e lo sviluppo del sistema logistico saranno interamente finanziati da promotori privati. Il legislatore dovrà tuttavia precisare processi e vincoli. Per Infra Suisse bisogna correggere immediatamente eventuali disposizioni approssimative, ad esempio sul numero delle varianti richieste per i tracciati. Infra Suisse non ritiene inoltre necessario esigere sicurezze finanziarie per lo smantellamento già nella fase di approvazione. Ciò potrebbe mettere in discussione la redditività del progetto.

Cargo sous terrain
Un sistema di trasporto sotterraneo automatizzato dovrebbe permettere di ridurre fino al 30 per cento il traffico merci nelle città svizzere. Il progetto ha un costo preventivato di tre miliardi di franchi, finanziato da privati. Le gallerie collegheranno Ginevra a San Gallo, Basilea a Lucerna e Berna a Thun. La prima tratta verrà realizzata tra Härkingen-Niederbipp e Zurigo. La conclusione dei lavori per l’intero progetto è prevista per il 2045.

Informazioni

Matthias Forster
Direttore
058 360 77 70
078 753 39 53
[javascript protected email address]

Una legge federale sul trasporto di merci sotterraneo

Temi correlati

Prese di posizione

Infra Suisse prende posizione sui media specializzati e su quelli di larga diffusione in merito a temi attuali che...

Continua a leggere